Assicurazioni sanità, cosa cambia?

Come ampiamente previsto nel corso delle ultime settimane, novità e tagli sono in arrivo in ambito sanitario. Il decreto Balduzzi, rappresentato dal d.l. 158/12, aggiorna infatti le modalità con cui dovrà essere costituito il fondo assicurativo dei medici e la relativa copertura assicurativa. In termini meno sintetici, cerchiamo di comprendere cosa accadrà a tale assicurazione, che viene richiesta e sottoscritta dai medici per poter far fronte ad eventuali risarcimenti dei danni biologici loro contestati, nel caso in cui venissero accusati (giustamente) di episodi di mala sanità.

Nell’attesa che il decreto venga aggiornato dal Parlamento e che venga emanata la tabella unica di riferimento, il danno biologico continuerà ad essere valutato in base alle tabelle proprie di ogni Tribunale. Infine, sembra pronto al passaggio finale l’obbligo – introdotto dal decreto – circa la necessità di aggiornare ogni cinque anni l’albo dei CTU propri di ogni Tribunale. Vedremo cosa ci riserverà il futuro sanitario e il diritto dell’ammalato, vittima di troppo frequenti vicende di mala sanità.