Assicurazioni contro i furti in rapida crescita

Le assicurazioni contro i furti sono in rapida ascesa, per il beneficio di compagnie assicurative e banche. La notizia, peraltro molto attesa visti e considerati i crescenti tentativi di furto sin tutto il territorio nazionale, emerge da diverse ricerche compiute nelle ultime settimane in alcune zone della Penisola, secondo cui – complici i già ricordati incrementati episodi criminali – il ricorso a polizze contro le sgradite sorprese al ritorno a casa sarebbe optato da un numero sempre maggiore di famiglie italiane.

Tra i tanti focus sull’argomento, il magazine Forlì Today ricorda i dati a margine del recente incontro svoltosi nella locazione azienda postale, dove emerge come l’incremento dei furti nelle abitazioni della provincia sia

 cresciuto del 59 per cento rispetto all’anno precedente, con un furto ogni 2 minuti e 70 su 1.000 abitazioni, con un danno medio per le vittime che si aggira intorno ai 4.400 euro.

Simili i dati in altre aree d’Italia, dove il ricorso a polizze assicurative sta conoscendo ritmi di espansione pressochè esponenziali. Le polizze contro i furti sono d’altronde accessibili a buon mercato, e spesso fanno parte di un più complesso pacchetto assicurativo che permetterà al cliente della società assicurativa di poter proteggere in maniera specifica e flessibile sia il fabbricato, che il contenuto e la propria famiglia.

Le polizze per la casa sono infatti in grado di risarcisce i danni al contenuto dell’abitazione, sia di proprietà che in affitto, in caso di incendio, eventi atmosferici, perdite d’acqua, fenomeni elettrici, scoppi ed esplosioni ed altri eventi simili, e ancora proteggere economicamente per i danni derivanti dalla conduzione dell’abitazione e involontariamente causati a terzi.

Con la più specifica garanzia per il furto, viene assicurato, entro i limiti indicati in contratto, un risarcimento in caso di furto dei beni contenuti nell’abitazione.

In proposito, risulta essere collegata l’utile opzione di tutela legale, che offre assistenza legale, nei limiti del massimale concordato nel contratto sottoscritto, per la difesa dei propri interessi in sede extragiudiziale e giudiziale, nei casi indicati in polizza.